I libri di GialloLuna – “La collera di Napoli” di Diego Lama

DiegoLamaNapoli, estate del 1884. Il colera che colpisce l’Italia miete in due mesi 7.200 vittime (lungo tutto lo Stivale se ne contano meno del doppio). Re Umberto e il ministro De Pretis, che visita la città incurante della possibilità di contagio, decidono di varare un piano di risanamento che prevede la completa ristrutturazione (demolizione compresa) di ampie sezioni della Napoli bassa. Un piano che, purtroppo, non sarà realizzato.

È questo il contesto de “La collera di Napoli” di Diego Lama, edito nel Giallo Mondadori in ottobre e che oggi si trova ancora nella versione ebook (3,99 euro). Il romanzo – vincitore del premio Alberto Tedeschi 2015 – è l’occasione per approfondire la conoscenza del commissario Veneruso, già incontrato in alcuni racconti editi sempre dal Giallo. Il commissario vive solo, è depresso e irritabile, frequenta una volta al mese il bordello, spesso soffre di male ai piedi e altrettanto di frequente strapazza i propri uomini senza ragione. Per indurirli alla vita, commenta fra sé e sé, cercando un alibi al proprio pessimo carattere. Ma, mentre la forza pubblica deve fronteggiare il moltiplicarsi dei morti per l’epidemia, Veneruso deve fare i conti prima di tutto con il caso di una donna segata in due da un ragazzo di 16 anni; poi si trova fra le mani i delitti di un serial killer ante litteram. Qualcuno uccide e fa scempio di giovani fanciulle, che vengono soprannominate “sirene”, lasciandone i resti sulla spiaggia delle Trecorone. La denuncia di una suora per la scomparsa di una ragazzina che vive nel grande orfanotrofio annesso al Convento Santa Maria Vergine di Porta Capuana (mai esistito), fa puntare l’indagine verso quel luogo dove “governano” le donne, in ogni senso. Il male può annidarsi fra quelle mura. Ma sarà la morte di un’altra giovanissima, precipitata da un altissimo palazzo popolare dall’altra parte della città, che finisce sul selciato completamente nuda, a far capire al commissario chi debba cercare e perché.

“La collera di Napoli” ha moltissimi pregi: una base storica impeccabile; d’altra parte Diego Lama, architetto a Napoli, sa come ci si deve documentare. Ogni passaggio gira perfettamente, come gli ingranaggi di un cronometro svizzero. Ha una scrittura fluida e accurata, anche nelle poche inflessioni dialettali. E, al di là della tensione che sa tenere dalla prima all’ultima pagina, il romanzo dà conto dei sentimenti dei protagonisti con una sensibilità rara; e li trasmette con delicata perfezione. “La collera di Napoli” è uno fra i migliori romanzi letti nel 2015.

DeFalcoLamaUna curiosità: Diego è fratello di Diana Lama, scrittrice e amica da anni di “GialloLuna NeroNotte”, che vinse il premio Alberto Tedeschi, per il miglior romanzo inedito, vent’anni fa, con “Rossi come lei”, scritto insieme a Vincenzo De Falco.

Nevio Galeati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...